Torna a

Cucina



Invia la tua ricetta




Al Salone del Gusto 2012

+ DI UN GELATO PARTECIPA A CAMBIARE IL MONDO.

+ di un Gelato parteciperà sabato 27 ottobre al Salone del Gusto e Terra Madre 2012, tra i maestri del gusto della città di Torino. E se lo slogan scelto da Slow Food quest'anno è "i cibi che cambiano il mondo", questa sarà una partecipazione a pieno titolo, essendo + di un Gelato non solo prodotto gastronomico di eccellenza, ma vero e proprio progetto di cooperazione e cambiamento. Frutto di un'idea della Cooperativa Insieme, specializzata nei servizi socio-assistenziali ed educativi, + di un Gelato si colloca all'interno di un disegno più ampio, volto a promuovere l'occupazione lavorativa alle migliori condizioni economiche, sociali e professionali. Il nome + di un Gelato è stato scelto proprio perché il progetto prevede, attraverso la produzione di un gelato artigianale, un obiettivo più ampio, quello di creare opportunità di lavoro per persone giovani e meno giovani, vittime del contesto di crisi generale e con necessità di riqualificazione.
Attualmente nel progetto lavorano circa 15 persone. Sono nella maggior parte giovani che hanno voglia di imparare un mestiere e che vengono formati secondo la più antica arte dei Mastri Gelatieri italiani grazie alla preziosa collaborazione di Alfio Tarateta che segue + di un Gelato nell'aspetto tecnico.
Con + di un Gelato la Cooperativa Insieme ha voluto inoltre investire su un prodotto di eccellenza, artigianale e a km 0.
Dai gelati alla frutta alle creme e i cioccolati, tutti i gusti e prodotti di + di un gelato sono preparati solo con materie prime fresche, di provenienza certificata e di prima scelta. Ad eccezione del cacao, che arriva da Colombia e Venezuela, delle banane e del pistacchio, rigorosamente di Bronte in Sicilia, gli ingredienti derivano da una filiera che opera in Piemonte, e che garantisce caratteristiche di vera genuinità e freschezza.
La frutta, di stagione, proviene da cooperative agricole selezionate e, in particolare, dal fondovalle della Valle Varaita; le nocciole usate per preparare i gusti di Gianduja e Nocciola, sono le Nocciole DOP dell'alta Langa; il latte e la panna sono freschi di giornata e arrivano ogni mattina da un consorzio di aziende agricole del settore. Non viene utilizzato nessun tipo di conservante. In questo modo il gelato è davvero fresco, sano e naturale.
Insomma, se ci sono cibi che possono cambiare il mondo, il gelato di + di un gelato è sicuramente uno di quelli.

 

Panino arabo farcito

Per 4 persone:

4 pagnotte di pane arabo
8 olive denocciolate
4 pomodori
8 foglie di insalata o rucola q.b.
(in alternativa formaggio a piacere)
un mezzo cipollotto timo selvatico, sesamo olio extravergine di oliva sale, pepe

Tempo di preparazione e cottura: 15 minuti

Tagliate le pagnotte di pane arabo a metà senza separarle e spalmate al loro interno kechek in abbondanza. Farcite il panino con le fette di pomodoro e di insalata, le olive e il cipollotto a fette (precedentemente lasciato riposare in acqua fredda). A parte, mescolate del timo selvatico con sesamo e olio fino a ottenere una salsa densa e saporita. Aggiungete la salsa al vostro panino. Salate e pepate a piacimento.

 

Frittelle al limone

Per due persone

una tazza di farina
2 tuorli di uova
olio extravergine di oliva
un limone
zucchero a piacere acqua

Tempo di preparazione: 15 minuti

In una ciotola ponete una tazza di farina e versate lentamente l’acqua bollente. Una volta raffreddata, aggiungete i tuorli d’uovo e mescolate. Con l’aiuto di un cucchiaio, ponete piccole porzioni del preparato in una padella dove avete precedentemente riscaldato l’olio. Preparate uno sciroppo con la buccia del limone e lo zucchero e versate sulle frittelle calde.

 

Gelo di anguria

Ingredienti

Amido di mais 80 gr
Cioccolato fondente
Pistacchi freschi 20 gr
Zucchero 80 gr
Vaniglina 1 bustina
Anguria 1.30 kg

Preparazione

1,3 kg di anguria
80 g di amido di mais
80 g di zucchero
riccioli di cioccolato fondente
20 g di pistacchi
una bustina di vaniglina

Eliminate buccia e semini dall'anguria, poi tagliate a pezzi la polpa e frullatela nel mixer. Misurate il composto in modo da ottenerne 8 dl, mescolatelo con l'amido di mais, lo zucchero e la vaniglina e cuocete per
4-5 minuti, mescolando. Versate in uno stampo da un litro bagnato, fate raffreddare e mettete in frigo per 6 ore. Decorate con i pistacchi e il cioccolato e servite.

 

Per tutte le novità sul mondo gastronomico




 
Copyright © 2001 Edizioni I.E. s.r.l. - Tutti i diritti riservati - Realizzazione Web CFS Soluzioni Integrate s.n.c.