Torna a
Torino auto nel mirino per inquinamento
La Città Metropolitana torinese ha affrontato il tema dell'inquinamento da PM10 ed ha confermato che il traffico veicolare è la principale causa

 





 


Il traffico veicolare è il principale responsabile dell’inquinamento da PM10 nell'area torinese. La conferma è venuto nel corso di un importante tavolo sulla qualità dell'aria coordinato dalla Città metropolitana di Torino che si è svolto giovedi 11 gennaio. E’ stata l’occasione per affrontare le principali criticità emerse nei primi due mesi di applicazione del protocollo del "bacino padano". In base alla analisi e valutazioni scientifiche si è avuta la conferma che il traffico veicolare è il principale responsabile dell’inquinamento da PM10, ma è anche stato riconosciuto che la disomogeneità di applicazione del protocollo determini una situazione di confusione nei cittadini. Tutti i Comuni sono stati concordi nel cercare di uniformare il più possibile orari, giorni di attivazione e per quanto possibile tipologia di veicoli fermati In conclusione le proposte che sono state condivise sono: - Uniformare il più possibile le centraline di riferimento e mantenere l’attivazione per tutti ai due giorni alla settimana. - Tavolo permanente sul blocco del traffico che individui a livello tecnico e faccia proposte per un miglioramento continuo nella attuazione del protocollo. - Misure strutturali quali il miglioramento e l’ampliamento dei parcheggi di interscambio. - Prevedere l’agevolazione del biglietto unico nei giorni di blocco del traffico. Il Comune di Torino si è preso l’impegno di formulare entro dieci giorni una proposta che definisca una linea comune che verrà valutata dal coordinamento della Città Metropolitana.





 
Copyright © 2001 Edizioni I.E. s.r.l. - Tutti i diritti riservati