Torna a
Moncalieri il festival jazz fa 20
Il Festival Moncalieri Jazz quest'anno raggiunge un importante traguardo. La rassegna che coinvolge tutta la città e anche Torino durerà 23 giorni

 





 


MONCALIERI - La notte che inaugura il festival Moncalieri jazz quest'anno cambia colore: abbandona il nero per colorarsi di blue. Ad incidere sul cromatismo dell'evento che coinvolgerà l'intero centro storico nel pomeriggio e nella notte di sabato 28 ottobre è una ragione importante e a spiegarla è Ugo Viola, ideatore, anima e direttore artistico della kermesse. "L'amatissima Notte del jazz è blue perché quest'anno abbiamo l'importante e prestigioso riconoscimento delle Nazioni Unite, che ci ha assegnato un impegno ambientale di primaria importanza nell'ambito del Sustainable Development Goals: la difesa e la valorizzazione dell'acqua, che è un bene prezioso, ma non infinito e quindi dobbiamo tutti imparare a farne un uso intelligente". La novità non è solo nel colore, ma anche nei contenuti, visto che ci sarà l'atteso debutto dell'opera site-specific "Blue'sm ART" di Daví Lamastra, i cui contenuti sono stati dettagliatamente illustrati nella conferenza stampa di presentazione del festival che si è tenuta a Palazzo Civico. Nella sua introduzione il sindaco Paolo Montagna sottolinea la portata dell'evento e dei suoi riflessi sul sistema città. "Il festival proietta Moncalieri tra le tappe preferite dagli amanti della grande musica. Ma c'è di più, perché nel corso di 20 anni il Festival ha vinto la sfida di unire generazioni e mondi diversi. Lo ha fatto portando la musica dentro e soprattutto fuori dai teatri, riempiendo piazze, coinvolgendo scuole, luoghi di aggregazione, per giungere al mondo delle imprese. Per questo il Festival fa uno straordinario marketing territoriale, a vantaggio delle eccellenze del territorio, a partire dal design, proseguendo con il gusto, e poi ancora la natura, la storia, l'associazionismo diffuso". Il richiamo della Notte Blue del Jazz sarà molto forte in quanto per una decina di ore vi saranno musica e attrazioni a ritmo continuo in piazza Vittorio e nelle vie attigue. Il compito di inaugurare la rassegna sabato 28 ottobre, alle 17, è affidato alla marchin' band italiana più famosa: i "Funk Off" che sono molto apprezzati ed amati dal pubblico del festival moncalierese, che partirà dall'Arco di Borgo Navile e poi risalirà tutto il centro storico con una passeggiata musicale. Dalle 17,30 sul terrazzo del parcheggio multipiano di via Alfieri, inizierà "Lindy Hop", uno swing dance. in collaborazione con i "Turin Cats" coordinato dai maestri Giorgio Finello e dallo Special Guest francese Jean Philippe Delort, che dalle 21,30 proporrà uno spettacolo. A seguire, dalle 19, ci sarà Musica & Sapori con gli "Aperitivi in Jazz", musica dal vivo con oltre 100 musicisti, che si esibiranno in luoghi e 7 locali del centro storico, in particolare all'Ora Giusta, al 450 Food, alla gelateria da Gasprin, al Caffè Città, al bar Saturnio, alla vineria Punto d'Ascolto e al ristorante Al Castello. Alle 21, in piazza Vittorio Emanuele, vi sarà il momento artisticamente più interessante con un doppio concerto: il primo sarà l' "Omaggio al centenario di Ella Fitzgerald" con la famosa cantante Simona De Rosa, che sarà accompagnata dalla Mjf Jazz Orchestra, il secondo concerto proporrà il coinvolgente Jazz cubano proposto dalla voce di Daymà Arocena con "Cubafonia". Al termine dei concerti la manifestazione andrà avanti sino alle prime ore di domenica con "Musica & Gusto", che si snoderà lungo tutta via Santa Croce, con il gruppo Mountain Men. Queste le specialità gastronomiche che si potranno gustare: "Blue moon alla vaniglia (offerto dal ristorante Tosa); Trippa 'd Muncalè (offerta da Paolo Casto e Fabio Melodoro dell’omonima ditta); Panzerotti e Pettole pugliesi (offerti dal ristorante Il Porcino e l'Aragosta). Per rendere più agevole l'accesso al centro storico, oltre al comodo parcheggio multipiano (ingresso da strada Torino), si segnala uno speciale servizio gratuito di trasporto con Navetta, offerto dalla ditta CaNova da piazza Panissera a piazza Baden Baden, che sarà in funzione sabato 28 ottobre dalle 16.30 alle 02.30, con cadenza ogni 20 minuti. Poche ore per recuperare energie e poi gli organizzatori, nel pomeriggio di domenica 29 ottobre, a partire dalle 18, nel Salone della Regina del castello di Moncalieri proporranno un importantissimo convegno su un bene fondamentale per il pianeta dal titolo "Acqua pulita e igiene", che è la mission affidata al Moncalieri Jazz Festival da Unric Nazioni Unite per concorre alla sensibilizzazione delle persone, attraverso il linguaggio universale della musica. La tavola rotonda, moderata dal direttore de il Mercoledi, inizierà con i saluti del sindaco Paolo Montagna e con un'intro musicale del maestro Ugo Viola e proseguirà con interventi di, Paolo Romano (presidente Smat), del meterologo Luca Mercalli, della speleologa Daniela Pani e dell'artista Davi Lamastra. Di questo e di tutti gli altri appuntamenti del festival dei prossimi giorni, ampio servizio nelel pagine del varietà, compresi quelli che coinvolgeranno tutto il territorio cittadino. E su questo aasoetto l’assessore alla cultura Laura Pomeo afferma “Con "Borgate in Jazz" la musica attraversa tutta la città, percorre i luoghi spesso meno elogiati dalle cronache su cui abbiamo moltiplicato sin dal principio l'impegno dell'amministrazione. È una scelta non scontata e coraggiosa, per noi diventata consuetudine”. Per questo e per tanti altri aspetti si può ben dire che il festival Moncalieri Jazz in questi 20 anni di strada ne ha fatta parecchia, lasciansdo dietro di se tracce molto significative in vari ambiti.





 
Copyright © 2001 Edizioni I.E. s.r.l. - Tutti i diritti riservati