Torna a
Piemonte piano del paesaggio
Il Piemonte ha un nuovo ed innovativo strumento per la pianificazione urbanistica indirizzata alla crescita del territorio

 





 


Il Piemonte dispone di un nuovo Piano Paesaggistico. Si tratta del PPR, che è stato approvato dal consiglio regionale in via definitiva, al termine di un lungo iter di redazione, pubblicazione, revisione e confronto. "Il Ppr - spiega la Consigliera regionale Nadia Conticelli, Presidente della Commissione Trasporti a Palazzo Lascaris - rappresenta uno strumento di pianificazione urbanistica, previsto dalla legge nazionale, che intende valorizzare il territorio e riqualificarne le porzioni compromesse, considerandolo come risorsa per lo sviluppo delle comunità locali". Il paesaggio, i beni ambientali, con una crescita sostenibile, sono risorse decisive per il Piemonte. Per questo vanno sostenuti i Comuni, stimolati i tecnici regionali a lavorare di più con gli Enti locali, con i Sindaci, ma anche ad accorciare i tempi per i piani regolatori, per i nuovi Prg, per le varianti generali e per gli adeguamenti al Ppr. Il tempo è un fattore decisivo. Con l'attuazione di questo nuovo nascono anche delle problematiche, come l’adeguamento da parte dei Comuni degli strumenti urbanistici e di pianificazione al Ppr richiede tempistiche e professionalità che rischiano di mettere in difficoltà soprattutto le Amministrazioni di piccole dimensioni.Per venire incontro a queste esigenze sono previsti meccanismi di accompagnamento delle procedure di adeguamento, soprattutto laddove emergano delle difficoltà e a stanziare le risorse adeguate per un sostegno finanziario, da erogarsi anche attraverso bandi pluriennali, a favore in particolare dei piccoli Comuni. Questi a loro volta, attraverso le Unioni di Comuni. possono migliorare i loro strumenti urbanistici.





 
Copyright © 2001 Edizioni I.E. s.r.l. - Tutti i diritti riservati